Francesco Carbone

Francesco Carbone – Direttore Provinciale Coldiretti Potenza

 

L’innovazione sociale in agricoltura e le sue ricadute sul settore agroalimentare. Cosa ne pensa il Direttore Provinciale della Coldiretti di Potenza?

Innovare in agricoltura è possibile attraverso la vivacità dei giovani agricoltori, il recupero delle tradizioni e delle specificità territoriali passando attraverso la valorizzazione degli aspetti ambientali e naturalistici che caratterizzano il nostro territorio. Innovare è possibile con le imprese agricole guidate da donne che rappresentano quasi un terzo dell’agricoltura nazionale che in molti casi hanno creato il proprio business partendo dalla tradizione apportando delle innovazioni ovvero hanno trasformato i ricordi del passato in moderne idee imprenditoriali. Le aziende multifunzionali  consentono all’imprenditore di innovare più facilmente associando nuovi e differenti servizi alla produzione. Come ad  esempio la trasformazione dei prodotti agricoli, il settore dell'agribenessere, le fattorie sociali e didattiche, ecc.  Campagna Amica unisce gli imprenditori che credono e scommettono sul proprio territorio investendo ed innovando nella loro impresa, utilizzando pratiche agronomiche compatibili con la tutela dell’ambiente e della biodiversità. Con Campagna Amica  agricoltori si impegnano a fare qualità a prezzi equi, con prodotti che rappresentano un importante patrimonio materiale e immateriale. Tutti questi aspetti  dell’agricoltura offrono una valida risposta alla crisi economica, sociale e il progetto Land Of Stories in linea con gli obiettivi di Coldiretti presenta alle imprese agricole lucane l’opportunità di  nuove relazioni e collaborazioni e quindi di sviluppo.

L’innovazione sociale e culturale nel mondo agricolo è già praticata da Coldiretti? Quali sono le esperienze recenti  a livello territoriale?

Attraverso i criteri disegnati Coldiretti ha scelto fra i suoi iscritti esempi di aziende  innovative e intraprendenti, che hanno saputo mantenere il legame con il territorio volgendo, al tempo stesso, uno sguardo al futuro attraverso una sua migliore valorizzazione e utilizzazione dei diversi e nuovi strumenti tecnologici. Proprio per  valorizzare e dare spazio all’innovazione in agricoltura Coldiretti Giovani Impresa ha promosso il premio nazionale Oscar Green giunto all’ottava edizione che ha l’obiettivo di evidenziare e valorizzare le esperienze vincenti di imprenditori che hanno saputo costruire progetti di impresa competitivi e sostenibili rafforzando il legame con il loro territorio d’appartenenza. Con questo concorso, tra i cui finalisti quest’anno c’è anche un’azienda agricola lucana, si premia l’innovazione che sa mantenere le proprie radici ma che, al tempo stesso, volge lo sguardo al futuro. Accanto a questa iniziativa di più recente ideazione Coldiretti Basilicata è attiva nel portare avanti il progetto Campagna Amica, a cui aderiscono, a livello locale, circa 120 aziende, teso a costruire un dialogo tra produttori e consumatori favorendo lo sviluppo locale, valorizzando le risorse territoriali disponibili, tutelando la qualità dei prodotti e promuovendo i prodotti tipici e l’alimentazione made in Italy, come risorsa economica, ma anche come fondamentale espressione di identità.

Quali sono i progetti e le azioni in campo per i prossimi mesi?

Per il futuro, uno degli obiettivi sarà quello di rafforzare la rete di imprese con la filiera corta, utilizzando appieno le risorse comunitarie, quindi attraverso idonei supporti agli  imprenditori agricoli lucani. Sempre al fine di mettere in rete le aziende a breve saranno organizzati incontri con i ristoratori locali che usano i prodotti di campagna amica per realizzare un menù di campagna amica.

Nell’ottica di promuovere il territorio e le sue specificità Coldiretti parteciperà alla sagra della Castagna a Tramutola e Melfi con l’intento di dare slancio a un prodotto che viene valorizzato solo in occasione delle sagre provando, anche con la partecipazione dell’Alsia, a coinvolgere e riunire insieme i produttori con l’obiettivo di tracciare il prodotto e il processo.

Tra le prossime iniziative ci sarà, nuovamente, il progetto di educazione alimentare nelle scuole per sensibilizzare il personale docente ed i genitori all’educazione alimentare e alla qualità delle produzioni tipiche lucane.

Coldiretti, inoltre, sarà presente, a Expo 2015 con un proprio spazio espositivo che darà visibilità alle eccellenze territoriali.