Ritornare per recuperare

Domenico è un imprenditore lucano che ha scelto di tornare, richiamato dal desiderio di vivere “a casa sua” e di far crescere la sua azienda. Perché a volte stando fuori, lontani, si riesce a mettere meglio a fuoco passioni, attitudini, sogni da trasformare in progetti. Domenico lascia la Basilicata per andare a studiare a Bologna, dove si laurea in Agraria. Diverse esperienze lavorative, in campo di commercio agroalimentare,lo portano in Spagna e poi a Bruxelles come consulente presso la Commissione Europea, alla direzione Agricoltura. E poi ritorna. Nella sua Basilicata, per fare l’imprenditore agricolo. Oggi di anni ne ha quarantacinque, vive a Matera e si dedica alla sua azienda.

Domenico Cardinale è titolare dell’azienda Le Matinelle. “Sono tornato a Matera con un’idea chiara: ristrutturare la masseria di famiglia e creare una nuova realtà agricola. Per la Commissione seguivo il tema diversificazione, ho visto nascere ed evolversi, a livello europeo, l’idea dell’agriturismo. Il mio progetto aziendale ha assorbito tutte le suggestioni e contaminazioni che mi ha dato il lavoro precedente.

Ho rivoluzionato l’azienda di famiglia, avviato uno dei primi agriturismi in Basilicata, impiantato gli oliveti e puntato sul biologico e sulle colture tradizionali, come il grano senatore capelli e altre varietà che già mio padre coltivava”. Quella di Domenico è una storia in cui la valorizzazione delle tipicità locali si coniuga con la sostenibilità, la tutela del paesaggio, la trasmissione dei saperi, le reti locali. E’ una storia di contaminazioni e innovazioni, tutte spinte dall’idea di riscoprire, ricostruire e riportare alla luce valori passati.

L’azienda, una delle prime fattoria didattiche lucane, oggi punta sull’agricoltura sociale e su un nuovo modo di pensare e praticare agricoltura sostenibile e responsabile, capace di offrire prodotti tracciati e di qualità ma anche servizi al territorio e alla comunità. Associando la conservazione del paesaggio, dell’agrobiodiversità e dei valori tradizionali, Domenico sta sperimentando percorsi di inserimento socio-lavorativo di persone svantaggiate, trasformando l’azienda anche in un laboratorio di accoglienza e solidarietà sociale.