Il nuovo “fuori porta” di Lavello per tutte le età e tutti i gusti.

LandOfStories è stata a Lavello (PZ) al bosco delle rose, azienda agricola dove Liliana Iacoviello si prende cura del frutteto giardino.

 

“Mi piacerebbe che diventasse il fuori porta accogliente di Lavello” ci dice Liliana. Il legame con la tradizione e la masseria di famiglia, l’ha spinta a dedicarsi prima all’azienda agricola biologica e poi al frutteto giardino dove si trovano rose antiche provenienti da tutta Europa.

land-of-stories-Liliana-Iacoviello2

L’azienda  si estende su 18ettari di cui circa la metà destinata alla coltivazione cerealicola mentre la restante parte è dedicata al progetto del frutteto giardino, al quale Liliana sta dedicando passione ed energie. Susine, amarene, albicocche, pere e mele autoctone, siepi affiancano splendidi roseti di antiche varietà e fasce boscate. Liliana si dedica anche alla produzione di marmellate e tra i progetti futuri dell’azienda c’è l’apertura di un laboratorio per le confetture e di una fattoria didattica con appuntamenti culturali e laboratori con le scuole.
La passione di Liliana per la natura e la famiglia, la voglia di sperimentare nuove attività e di innovare con il suo giardino la propria azienda  hanno consentito alla popolazione locale di godere del bosco delle rose come si faceva un tempo, in quanto meta di pellegrinaggio dal paese al complesso religioso della Madonna della Foresta del XIII secolo. In azienda si trovano anche le masserie storiche – Finocchiaro e Iannuzzo che testimoniano la tradizione e vocazione agricola del comune di Lavello.

 

Pensato per passeggiate e scampagnate domenicali, il Bosco delle rose quest’anno ha ospitatolo Slow Food Day organizzato dalla Condotta del Vulture e numerose altre attività sono nel calendario di Liliana e della sua famiglia che l’accompagna in tutte le sue avventure.